Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Mariya Oktyabrskaya, la combattente che comprò un carro armato per vendicare il marito ucciso dai nazisti

Mariya Oktyabrskaya era una donna russa il cui marito venne ucciso dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Per vendicare la morte del marito, vendette tutto ciò che aveva per regalare all'esercito un carro armato T-34, che soprannominò "fidanzata da combattimento". Dopo aver ottenuto il permesso dell'Unione Sovietica, avviò la caccia ai nazisti utilizzando il suo carro armato.

Pubblicato il 17/03/2020 alle 21:19
Fonte: Wikipedia inglese (link alla fonte principale)
Mariya Oktyabrskaya, nata in una famiglia povera sulla penisola di Crimea, divenne a buon titolo un'eroina della Seconda Guerra Mondiale, grazie alla forza di volontà e alla determinazione nel vendicare il marito.
Quando si aprì il fronte orientale della Seconda Guerra Mondiale, Mariya venne evacuata in Siberia, a Tomsk. Nel 1941 suo marito venne ucciso in una lotta contro i nazisti, vicino a Kiev. Ci vollero ben due anni prima che Mariya ne venisse a conoscenza.
Quando lo scoprì, la sua furia esplose in una voglia di vendetta intensa. Vendette tutto ciò che possedeva, e con i guadagni donò un carro armato all'Armata Rossa. Chiese all'esercito di poter guidare ella stessa il T-34, a cui diede il nome di "fidanzata da combattimento" ("Боевая подруга"). Il comitato statale per la difesa accettò.
All'epoca 38enne, Mariya Oktyabrskaya iniziò immediatamente un addestramento di cinque mesi. Entrò dunque nella 26esima brigata dei Carri Armati dell'esercito, come guidatrice e meccanico. Alcuni suoi commilitoni pensarono che si trattasse di uno scherzo, o di una trovata pubblicitaria, ma si ricredettero non appena la videro combattere.
La prima battaglia avvenne il 21 ottobre 1943. La Oktyabrskaya manovrò il carro armato in una lotta intensa, aiutando a distruggere le mitragliatrici e l'artiglieria del nemico. In quell'occasione venne promossa al rango di sergente.

Un mese dopo la sua reputazione crebbe ancora, durante la cattura della città di Novaje Siało, nella regione di Vitebsk.
Nel gennaio del 1944 la donna combatté l'ultima battaglia, prendendo parte all'offensiva Leningrado–Novgorod. Guidò il suo T-34 intorno alle difese tedesche, distruggendo la resistenza nelle trincee e le mitragliatrici. Ma alla fine il carro armato venne colpito da un'unità anticarro. Mentre riparava il suo mezzo, la Oktyabrskaya venne colpita alla testa da alcuni frammenti metallici e perse conoscenza. Sarebbe morta dopo due mesi di coma all'ospedale da campo.
Nel mese di Agosto Mariya Oktyabrskaya venne dichiara postuma Eroina dell'Unione Sovietica, in riconoscimento del coraggio e della bravura nelle battaglie a cui aveva partecipato. Si tratta del più grande onore che si potesse ricevere in combattimento. Mariya fu la prima delle uniche due guidatrici di carro armato a ricevere questa onorificenza.

Mariya Oktyabrskaya

Carri Armati T-34
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!