Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Questa ragazza ha ricevuto mani maschili in un trapianto, e col tempo si sono adattate a lei

Dopo aver perso entrambi gli avambracci in un incidente, una 18enne indiana ha ricevuto gli arti da un donatore di sesso maschile. Con sorpresa di tutti, le mani del donatore, un tempo più grosse e scure, hanno cambiato il tono della pelle e sono diventate più snelle e femminili, per armonizzarsi al resto del corpo.

Pubblicato il 29/03/2021

Una giovane donna, in India, ha perso entrambe le mani in un incidente d'auto, e ha ricevuto nuovi arti da un donatore con la pelle più scura. Qualche anno dopo, la pelle delle mani ricevute in dono è decisamente più chiara.

Dopo l'incidente, avvenuto nel 2016, la 18enne Shreya Siddanagowder ha perso entrambi gli avambracci. L'anno successivo la ragazza si è sottoposta ad un'operazione durata 13 ore, effettuata da una squadra di 20 chirurghi e 16 anestesisti. Le mani che le sono state trapiantate erano di un 21enne morto dopo un incidente in bicicletta.

Nel corso del successivo anno e mezzo, la ragazza si è sottoposta a una serie di terapie fisioterapiche e ha potuto migliorare il controllo motorio sulle proprie nuove mani, che sono diventate gradualmente più snelle. Ma c'è stata un altro cambiamento inaspettato: la pelle sui suoi nuovi arti, che era decisamente più scura della sua, è diventata più chiara fino a corrispondere al tono del resto del corpo.

I dottori che hanno curato Siddanagowder sospettano che il suo corpo produca meno melanina di quanto non facesse quello del donatore, e questo spiegherebbe il cambiamento (la melanina è il pigmento da cui dipende il colore della pelle). Servono però più ricerche per confermare la causa, come ha ricordato il Dr. Uday Khopkar, primario di dermatologia al King Edward Memorial Hospital di Mumbai.

I candidati per un trapianto di mani si sottopongono a valutazioni e consultazioni che possono durare mesi. Gli esperti devono valutare la salute generale del paziente, con analisi del sangue e esami a raggi X, e devono valutare il funzionamento dei nervi negli arti amputati. I candidati entrano in una lista di attesa e sono chiamati in base alla compatibilità con gli arti disponibili (valutate nei termini di colore della pelle, dimensione e gruppo sanguigno.

Quando Siddanagowder si è rivolta Manipal Institute of Technology di Karnataka, India, per registrarsi tra i candidati, era appena avvenuta la donazione del 21enne, che aveva il suo stesso gruppo sanguigno. L'intervento è stato un primato sotto diversi aspetti: non soltanto è stato il primo doppio trapianto di mani dell'Asia, ma anche il primo trapianto di mani provenienti da un donatore di un altro sesso.

Le mani come erano dopo il trapianto e come sono ora
Le mani come erano dopo il trapianto e come sono ora // Arul Horizon

Qualche anno dopo, le mani di Siddanagowder hanno anche "caratteristiche più femminili". Una spiegazione, secondo il fisioterapista Ketaki Doke, è che i muscoli si siano adattati al nuovo ospite.

"I nervi hanno iniziato a mandare segnali – il processo è chiamato reinnervazione – e i muscoli funzionano in base ai bisogni del corpo" ha detto Doke. "I muscoli nelle sue mani hanno iniziato ad adattarsi a un corpo femminile".

Secondo il Johns Hopkins Medicine di Baltimore esistono meno di 100 persone, nel mondo, che hanno ricevuto un trapianto di mano. I dottori di Siddanagowder stanno monitorando i cambiamenti nelle sue mani, e rilasceranno una pubblicazione al riguardo. Servono tuttavia più dati per capire il motivo di questo fenomeno.

Nel 2017, Shreya Siddanagowder si è sottoposta al primo trapianto di mani effettuato grazie a un donatore di sesso diverso
Nel 2017, Shreya Siddanagowder si è sottoposta al primo trapianto di mani effettuato grazie a un donatore di sesso diverso // MOHAN Foundation/Facebook
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!