Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

La prima persona a gettarsi dal ponte di Brooklyn voleva dimostrare che cadere nel vuoto non fa male

La prima persona a gettarsi dal ponte di Brooklyn fu un tuffatore che "voleva dimostrare che le persone non muoiono cadendo semplicemente attraverso l'aria, e incoraggiare le persone che si trovassero negli edifici in fiamme a saltare nelle reti". Dimostrò di avere ragione: attraversò 42 metri d'aria in piena sicurezza, anche se purtroppo morì al momento dell'impatto con l'acqua.

Pubblicato il 23/11/2021
Fonte: The Washington Post (link alla fonte principale)

Robert E. “Bob” Odlum fu la prima persona a saltare dal ponte di Brooklyn, nel maggio del 1885. Ma non fu un atto di suicidio. Il 33enne Odlum si aspettava pienamente di sopravvivere al salto e di assicurarsi fortuna e fama. Ma non fu proprio così. Di sicuro divenne famoso, o almeno per un po'. Ma la fortuna non fu proprio dalla sua parte. L'ironia era che Odlum era stato ucciso dalla cosa che amava di più: l'acqua.

Cresciuto in Tennessee, fu sempre attratto dal fiume Mississippi. Imparò a nuotare prima di saper leggere. Odlum era determinato a trasformare il suo amore per il nuoto in una carriera. Dopo aver lavorato come giornalista a St. Louis e Chicago, si trasferì a Washington, dove, il 20 agosto 1878, aprì la prima piscina coperta della città. Odlum credeva che chiunque potesse imparare a nuotare e che tutti ne avessero bisogno, anche solo per evitare di annegare. Voleva insegnarlo a tutti. Il Natatorium fu il luogo in cui Odlum ha ottenuto il titolo di "Professore".

Il Natatorium non fu un gran successo, e Odlum ebbe altri insuccessi ma non si fece mai scoraggiare. Credeva di poter fare grandi cose. Fu in quest'ottica che saltò dal Ponte di Brooklyn.

Odlum desiderava la fama e la possibilità di aiutare finanziariamente se stesso e sua madre, ma non solo: secondo quanto aveva affermato, " voleva dimostrare che le persone non muoiono cadendo semplicemente attraverso l'aria, e incoraggiare le persone che si trovassero negli edifici in fiamme a saltare nelle reti".

Qualcuno si era premurato di avvertire la polizia dei piani di Odlum. Lui, però, inviò due amici sul ponte in modo che si fingessero lui e facessero da esca. Sotto al ponte, un'imbarcazione con degli spettatori si avvicinò al punto da cui Odlum avrebbe saltato: tra di loro c'era un nuotatore che avrebbe potuto offrire supporto al tuffatore in caso di difficoltà.

Robert Odlum saltò dal ponte di Brooklyn alle 17:35. Il vento forte lo fece svoltare leggermente a mezz'aria, e quando arrivò all'acqua la colpì con i piedi e l'anca destra. Il nuotatore di salvataggio non riuscì ad agire, ma un suo amico lo raggiunse e lo sollevò su una barca. Il tuffatore venne rianimato, e riprese conoscenza brevemente. Svegliandosi, chiede: "È tutto finito?...Ho fatto un buon salto?"

Il sangue iniziò a gocciolare dalla sua bocca, e Odlum chiese: "Sto sputando sangue?" Robertson, un amico di Odlum di Boston, lo rassicurò che il liquido era solo brandy. Senza parlare oltre, Odlum iniziò ad avere un'emorragia interna. Morì alle 18:18, prima che arrivasse l'ambulanza.

L'autopsia rivelò che la milza, il fegato e i reni di Odlum erano rotti. Alla base del polmone sinistro venne trovato un deposito di tubercolosi. La prima, la terza e la quinta costola di Odlum erano rotte. La causa della morte, secondo l'esame, fu una commozione cerebrale. Robert Odlum aveva senza dubbio dimostrato che l'aria non è letale, ma aveva anche capito che l'acqua – l'amore della sua vita – può esserlo eccome.

Robert Emmet Odlum
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!