Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il "nonno d'acciaio" che schiacciò la competizione a una gara a cui era troppo vecchio per essere ammesso

Nel 1951 il 66enne svedese Gustaf Håkansson andò ad iscriversi a una gara ciclistica su un percorso di 1764 km. Gli organizzatori rifiutarono l'iscrizione perché era ben oltre l'età consentita. Lui si mostrò ugualmente alla gara, partecipando alla competizione in modo non ufficiale. Dopo aver pedalato per oltre sei giorni, Håkansson tagliò il traguardo prima di chiunque altro, e venne soprannominato "nonno d'acciaio" per la sua incredibile resistenza e determinazione.

Pubblicato il 17/09/2020 alle 20:05
Fonte: Wikipedia inglese (link alla fonte principale)
Gustaf Håkansson venne soprannominato "nonno d'acciaio" dopo aver schiacciato la competizione ad una gara alla quale era troppo vecchio per essere ammesso.
Era il 1951 e Håkansson aveva ben 66 anni. L'uomo, residente in una cittadina in Svezia, voleva iscriversi a una gara ciclistica che copriva 1764 km, lungo tutta la nazione.
Gli organizzatori rifiutarono la sua iscrizione perché l'età massima consentita era 40 anni. Lui, tuttavia, partecipò lo stesso, affiancandosi ai partecipanti, e partendo anzi un minuto dopo l'ultimo. Aveva scritto un grosso zero sulla maglietta.
Il tour prevedeva diverse tappe durante le quali i partecipanti potevano riposare. Ma Håkansson non si fermò per almeno tre giorni, continuando a pedalare senza sosta.
Per tutto il tempo tenne una lunga barba bianca che lo faceva sembrare perfino più anziano: gli organizzatori si preoccuparono persino che il pubblico potesse ridere degli altri partecipanti.
Molti giornali seguirono la vicenda e l'uomo divenne famoso in tutto il paese. Dopo 6 giorni, 14 ore e 20 minuti Håkansson tagliò il traguardo, circa 24 ore prima degli altri.


Gustaf Håkansson
Dagens Nyheter // PD

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!