Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

L'uomo che ha lasciato 2 milioni di euro al villaggio francese che lo nascose durante la Seconda Guerra Mondiale

Eric Schwam era un uomo austriaco che durante la Seconda Guerra Mondiale fuggì dai nazisti insieme alla sua famiglia. Schwam ha lasciato in eredità 2 milioni di Euro al villaggio francese di Le Chambon-sur-Lignon, come gesto di gratitudine verso i residenti che, ai tempi, lo nascosero e lo protessero per anni.

Pubblicato il 24/02/2021

Durante la Seconda Guerra Mondiale, l'austrico Eric Schwam sfuggì ai nazisti insieme alla sua famiglia, rifugiandosi in un villaggio francese i cui residenti lo nascosero e protessero per anni. Alla sua morte, avvenuta a 90 anni lo scorso 25 dicembre, Schwam ha sorpreso il villaggio di Chambon-sur-Lignon con un regalo.

Chambon-sur-Lignon è un piccolo villaggio che si trova su un altopiano di montagna in un luogo sperduto nella Francia sudorientale. Storicamente il villaggio, a maggioranza protestante, ha sempre offerto rifugio a chiunque ne avesse bisogno.

La stazione di Le Chambon-sur-lignon

Lo somma lasciata in eredità da Schwam è decisamente sostanziosa per il piccolo villaggio: ben 2 milioni di euro.

Schwam era arrivato a Chambon-sur-Lignon nel 1943, insieme alla sua famiglia. Vennero nascosti tutti nella scuola per tutto il periodo della guerra, e rimasero fino al 1950.

In seguito, l'uomo ha studiato farmacia e si è sposato con una donna vicino a Lione, dove visse insieme a lei per il resto della vita. L'eredità lasciata al piccolo villaggio fracese, secondo le volontà dell'uomo, dovrà essere usato per iniziative educative dedicate ai giovani: in particolare per borse di studio.

 Château du Pont-de-Mars a Le Chambon-sur-Lignon, Francia

Durante la Seconda Guerra Mondiale, Chambon-sur-Lignon accolse e protesse circa 2.500 persone ebree, e i suoi residenti hanno ricevuto il riconoscimento di "Giusti Tra le Nazioni" da Israele.

Ma non solo: nei secoli, il villaggio ha accolto moltissime persone in fuga, per motivi politici o religiosi. Da preti costretti a nascondersi durante la rivoluzione francese a repubblicani spagnoli durante la guerra civile degli anni '30. Di recente, accoglie anche migrani e rifugiati dal Medio Oriente e dall'Africa.

Manifestazioni di solidarietà verso i rifugiati e proteste contro la legge francese sull immigrazione
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!