Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Timothy Leary: gli studi sugli allucinogeni di uno psicologo della controcultura anni '60

Nel 1970 lo psicologo americano Timothy Leary venne condannato a 20 anni di prigione a causa di reati legati alla droga. Dopo essere stato portato in prigione, venne sottoposto a dei test psicologici che venivano usati per assegnare mansioni appropriate ai nuovi detenuti. Avendo creato lui stesso alcuni dei test, Leary rispose in un modo che gli avrebbe fatto assegnare la mansione di giardiniere in una prigione di minima sicurezza, da cui fuggì.

Pubblicato il 19/05/2021
Fonte: Wikipedia inglese (link alla fonte principale)

Timothy Francis Leary (1920-1996) fu uno psicologo americano conosciuto per le sue posizioni fortemente a favore delle droghe psichedeliche. Secondo Allen Ginsberg, Leary fu un "eroe della coscienza americana".

Psicologo clinico ad Harvard, dal 1960 al 1962 Timothy Leary lavorò a una serie di progetti sull'LSD e la psilocibina, che ai tempi erano ancora legali negli Stati Uniti. Nel 1960, insieme al collega Richard Alpert, Leary fece arrivare psilocibina da una compagnia svizzera, dando avvio a una serie di test per determinare se diverse modalità di somministrazione potevano condurre ad esperienze diverse. In generale, credevano che la psilocibina potesse essere la chiave per risolvere tutti i problemi emotivi dell'uomo occidentale.

In un primo studio, 38 soggetti vennero sottoposti a dosaggi a loro scelta, e anche Leary e Alpert stessi ingerirono la sostanza. La conclusione fu che, se il 75% dei soggetti riportarono l'esperienza come piacevole, il 69% sostenne di aver raggiunto un "ampliamento marcato della consapevolezza". In un altro, più esteso esperimento, il 95% dei soggetti dichiarò che la sostanza aveva cambiato la loro vita in meglio (molti anni dopo, nel 2016, la psilocibina si è rivelata una potenziale arma contro la depressione clinica).

L'anno successivo, nel 1961, Leary cominciò a dedicarsi a un potenziale utilizzo delle sostanze psichedeliche per la riabilitazione dei detenuti. Nei suoi esperimenti, i detenuti riuscirono a visualizzarsi in una nuova, diversa prospettiva. Qualche tempo dopo, poi, Leary studiò il modo in cui la psilocibina induce esperienze profonde di coscienza religiosa: dieci su dieci soggetti riportarono tali esperienze in seguito all'esperimento.

Altri professori dell'università, però, erano preoccupati del potenziale abuso di potere di Leary e Alpert sugli studenti. I due professori potevano fare pressioni sui ragazzi per indurli a partecipare alle ricerche, dal momento che venivano illustrate in corsi obbligatori per ottenere le lauree. In alcuni casi, inoltre, Leary e Alpert diedero sostanze psichedeliche a studenti non ancora laureati, benché l'università lo avesse proibito. In ogni caso, le affermazioni secondo cui Leary avrebbe fatto pressioni sugli studenti sono state smentite da almeno uno dei suoi studenti.

Leary pensava che l'LSD avesse un grande potenziale per il trattamento in psichiatria (come si è visto, esperimenti degli ultimi anni hanno dimostrato che aveva probabilmente ragione). Consumava l'LSD egli stesso e sviluppò una filosofia per cui gli allucinogeni avrebbero permesso di espandere mente e consapevolezza e di trovare la propria verità. Dopo aver lasciato Harvard, continuò a promuovere l'uso di queste sostanze e divenne una figura di spicco della controcultura degli anni '60.

Molti dei suoi motti divennero famosi. Ad esempio: "turn on, tune in, drop out", ovvero: "Accenditi, sintonizzati, abbandonati". "Accenditi" significava: sveglia la mente, apri le porte della percezione. "Sintonizzati" era inteso come: entra in sintonia con l'universo, comprendilo, ascoltalo. Invece "Abbandonati", secondo Leary, è un concetto più complesso: "Drop out suggeriva un selettivo, prezioso processo di distaccamento da ciò che involontariamente restringe la nostra libertà d'azione. Significa coscienza di sé, la scoperta della propria singolarità, una promessa di mobilità, di scelta e di cambiamento. Sfortunatamente le mie spiegazioni dello slogan per il miglioramento del sé fu spesso male interpretato come se significasse 'Drogati e abbandona le attività costruttive'.

Un altro motto celebre è "Pensa da solo e metti in dubbio l'autorità". Leary venne definito da Nixon come l'uomo più pericoloso degli Stati Uniti. Se volete leggere un suo libro, potete acquistare Il grande sacerdote. Il libro più importante e rivoluzionario sull'LSD .

Timothy Leary
Timothy Leary

Durante gli anni '60 e '70, Leary venne arrestato abbastanza stesso da aver visto ben 36 prigioni del mondo. Principalmente, i suoi reati erano relativi al possesso di droga, tra cui marijuana. Il 21 gennaio 1970 ricevette una sentenza di 10 anni, a cui si aggiunsero altri 10 anni a causa di un arresto precedente. Al suo arrivo in prigione, Timothy Leary fu sottoposto a diversi test usati per assegnare ai detenuti la mansione più giusta.

Alcuni dei test erano stati realizzati proprio da lui: tra gli altri, c'era il "Leary Interpersonal Behavior Inventory". Leary rispose in modo da apparire una persona tranquilla, conforme, convenzionale con un grande interesse per il giardinaggio e la silvicultura. Venne dunque mandato in una prigione di minima sicurezza, dove ricevette l'incarico di giardiniere, e fuggì nel 1970, spiegando poi la sua evasione come uno scherzo e lasciando una nota sarcastica alle autorità della prigione.

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!