Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Negli anni ’60 la programmazione informatica era un “lavoro da donne”

Negli anni ’60 la programmazione informatica era un “lavoro da donne”. La premessa era che la pianificazione e l'attenzione necessaria per programmare erano le stesse che servono per organizzare una cena.

Pubblicato il 21/06/2018 alle 20:38
Fonte: SmithsonianMag (link alla fonte principale)
Oggi, lo stereotipo del programmatore lo vuole come maschio, “nerd” e tendenzialmente asociale. Ma questo stereotipo dimentica la storia di questo lavoro, che negli anni ’60 (in America) era un campo prettamente femminile.
Come scrive Brenda D. Frink su Gender News:
“Negli anni ’60 la programmazione dei computer era una scelta di carriera naturale per giovani donne intraprendenti. Persino l’influente magazine Cosmopolitan spingeva le sue lettrici a considerare una carriera in programmazione. In un articolo chiamato “Le Ragazze del Computer”, la rivista riteneva che ci fossero molte opportunità per le ragazze, in quel campo.”
Secondo la scienziata Grace Hopper la programmazione era come pianificare una cena.
“Bisogna avere un piano e organizzare ogni cosa, affinché sia pronta quando ti serve. Le donne sono ‘naturali’ come programmatrici.”

donne programmatrici negli anni 60

Un grande esempio di programmatrice è Margaret Hamilton, che scrisse il codice che portò l’uomo sulla luna.
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!