Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Don Ritchie, l'uomo che salvò 160 persone dal suicidio

Un uomo australiano, Don Ritchie, viveva accanto al luogo, conosciuto come "the gap", tristemente noto per essere uno dei punti con maggiori suicidi della nazione. Visse là per 50 anni, e nel tempo salvò almeno 160 persone, convincendole a non suicidarsi parlando e invitandole a casa sua per un tè.

Pubblicato il 21/07/2019 alle 21:58
Il signor Don Ritchie viveva a Watsons Bay, in Australia, vicino a Sydney. Casa sua era proprio dall'altro lato della strada rispetto al cosiddetto "the gap", un luogo con una triste fama: in tutto il paese, è uno dei punti con più suicidi della nazione.
Mr Ritchie visse lì per 50 anni, insieme alla moglie Moya. In questo periodo, si attesta, egli salvò almeno 160 persone.
All'inizio, quando era giovane, Don tratteneva fisicamente le persone che stavano per saltare, mentre la moglie chiamava la polizia.
Ma più avanti ha trovato una tecnica migliore: offrire una tazza di tè e una chiacchierata.
Nel 2011 Don Ritchie ricevette anche il riconoscimento di Australia's Local Hero, conferito ad individui coraggiosi e dediti a cause nobili.
Quando Don scomparve, nel 2012, per cause naturali, il parroco del luogo, intervistato da una radio di Sydney, ricordò come, quarant'anni prima, avesse conosciuto l'uomo vedendolo steso a terra, a consolare un uomo vietnamita terrorizzato che stava per saltare. Aveva una voce morbida e dolce, e riuscì a convincere quell'uomo a non saltare.
Mr Ritchie diceva "Non avere paura di parlare a quelli che credi ne abbiano bisogno. Ricorda sempre il potere di un sorriso, di un aiuto, di un orecchio che ascolta e di una parola gentile".

Don Ritchie

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!