Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Le Streghe della Notte, l'unità bombardiera russa della Seconda Guerra Mondiale formata da sole donne

Le Streghe della Notte erano un'unità bombardiera russa della Seconda Guerra Mondiale. Era formata da sole donne, tutte volontarie, desiderose di proteggere il paese dagli invasori tedeschi. Erano così abili a volare nell'oscurità che i nazisti ritenevano che ricevessero pillole speciali per vedere al buio.

Pubblicato il 16/03/2018
Fonte: Wikipedia, New York Times (link alla fonte principale)
Giovani eroine, tutte volontarie e principalmente molto giovani (tutte intorno ai 20 anni). Ecco chi erano le Streghe della Notte. Leggende della Seconda Guerra Mondiale, che hanno avuto questo nome dai tedeschi, loro nemici, ma che ne sono state deliziate.
Erano giovani russe desiderose di proteggere la patria dall'invasione nazista, oppure in cerca di vendetta per i familiari uccisi.

Volavano soltanto nell'oscurità, senza paracadute, radio o radar. Avevano aerei e attrezzature vecchie, ma presto divennero una sorta di incubo per i nemici.

Ogni notte le Streghe della Notte compivano almeno 8 missioni. In tutto erano circa 40, e alla fine della guerra il loro contributo si può contare in diverse migliaia di missioni.

La signora Popova, che morì nel 2013 a 91 anni, era ispirata da patriottismo e da sete di vendetta per il fratello, morto nel 1941. I nazisti avevano sequestrato la loro casa per farne una base della Gestapo.
Ella divenne addetta alle tattiche della sua unità. Gli aerei volavano in formazione di tre: due facevano da "esca" per attirare i proiettori da ricerca (usati per individuare gli aerei di notte), per poi separarsi in direzioni opposte, vorticando per evitare le batterie antiaeree. La terza penetrava sul bersaglio nell'oscurità.

Le abilità di queste pilote portò i tedeschi a diffondere la voce che le donne russe ricevevano iniezioni e pillole speciali, per dar loro una perfetta visione notturna.
"Questo, ovviamente, non aveva senso" disse la signora Popova in un'intervista.



Un libro da non perdere sull'argomento


Una donna può tutto. 1941: volano le Streghe della notte
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!