Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il grande regalo che gli amici fecero ad Harper Lee, permettendole di scrivere "Il buio oltre la siepe"

Per il Natale del 1956, gli amici di Harper Lee le regalarono l’equivalente di un anno di stipendio, per permetterle di prendersi un anno di pausa dal lavoro per scrivere. Così nacque “Il buio oltre la siepe”, che vendette oltre 30 milioni di copie

Pubblicato il 07/10/2018
Fonte: Wikipedia inglese
Il buio oltre la siepe” è uno dei romanzi più importanti del XX secolo. Trattando temi come la disparità tra bianchi e neri, ha cambiato l’America e il mondo dando nuove prospettive e nuove consapevolezze a milioni di lettori. Nel libro, il padre della narratrice, Atticus Finch, è un avvocato che difende un afroamericano accusato di stupro. La narratrice e protagonista, una bambina di nome Scout, assiste con il genuino stupore dei piccini alle ingiustizie perpetrate contro l’assistito di suo padre.
L’autrice, Harper Lee, ha vinto il premio Pulitzer, la Medaglia Presidenziale della Libertà e la Medaglia Nazionale delle Arti.

Harper Lee si era trasferita a New York alla fine degli anni ’40. Dopo aver scritto diversi racconti, ha trovato un’agente letteraria nel novembre del 1956. Il mese successivo, a Natale, i suoi amici le fecero il regalo più bello possibile: un anno intero di salari per permetterle di staccare dal lavoro e dedicarsi alla scrittura per tutto il tempo.
Già nella primavera seguente, Harper Lee passò all’agente il romanzo “Va’, Metti una Sentinella”, che venne ben accolta dall’editore, che evidenziò però la necessità di dare una struttura più consistente al manoscritto. Lee, insicura riguardo al suo talento, lavorò il romanzo fino a trasformarlo nella versione finale, a cui diede il titolo "To Kill a Mockinbird" (in italiano: Il buio oltre la siepe).
Il libro vendette oltre 30 milioni di copie e le valse il premio Pulitzer. Il materiale che non vi trovò posto è stato pubblicato qualche anno fa in un nuovo romanzo, chiamato, appunto, “Va’, Metti una Sentinella”.

Harper Lee
Harper Lee nel 2007 mentre riceve la Presidential Medal of Freedom // Public Domain

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!