Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Dopo il disastro di Fukushima, gli anziani si sono offerti di pulire i reattori esponendosi alle radiazioni al posto dei giovani

Dopo il disastro nucleare di Fukushima, nel 2011, oltre 500 anziani giapponesi si sono offerti volontari per aiutare a ripulire le scorie nucleari. In questo modo i giovani non sarebbero stati esposti ai pericolosi livelli di radiazioni. I più vecchi hanno sacrificato la propria sicurezza per proteggere le giovani generazioni.

Pubblicato il 22/10/2020
Fonte: New York Times, npr (link alla fonte principale)
Il Disastro nucleare di Fukushima Dai-ichi avvenne l'11 marzo del 2011, a causa del terremoto di Tōhoku e del successivo tsunami che impedì il raffreddamento d'emergenza dei reattori. Il risultato fu il rilascio di materiale radioattivo dai reattori, nei giorni successivi.

Furono richiesti lavori notevoli per il raffreddamento dei reattori e per la pulizia del materiale radioattivo. Furono coinvolti migliaia di lavoratori, per una missione che a tutti gli effetti nessuno voleva accettare.
Yasuteru Yamada, al contrario, era impaziente di fare la sua parte. Il 72enne, dopo aver visto in televisione centinaia di uomini più giovani al lavoro alla centrale di Daiichi, ha avuto un'idea: reclutare anziani ingegneri come lui, e altri specialisti, per supportare i lavori.
Non soltanto avevano le competenze richieste ma, soprattutto, l'età avanzata permetteva di abbassare i rischi: per sviluppare le malattie legate all'esposizione di radiazioni spesso ci vogliono diversi anni.
I volontari potevano così risparmiare ai più giovani pericoli come sterilità o cancro.
Qualche settimana dopo il devastante terremoto, Yamada e Nobuhiro Shiotami, un amico ingegnere, hanno formato il cosiddetto "Corpo dei Veterani Esperti". Mandando migliaia di email e lettere, Yamada ha messo su una squadra che è arrivata a comprendere oltre 500 uomini.
"È stata la mia generazione a costruire quelle centrali. Dobbiamo assumercene la responsabilità. Non possiamo scaricarle sulla successiva". Ha detto Kazuko Sasaki, 72enne, nonna e volontaria.

Un'immagine del disastro
Un'immagine del disastro / Digital Globe // Wikimedia // CC


Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!