Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Ecco come Bugs Bunny salvò la vita del suo doppiatore originale

Il doppiatore originale di Bugs Bunny, Mel Blanc, venne coinvolto in un grave incidente e andò in coma. Dopo diversi tentativi falliti di svegliarlo, un dottore gli chiese: "Bugs, mi senti?". Sorprendentemente, Mel rispose con la voce del suo personaggio "Che succede, Doc?". I dottori sfruttarono ciò per farlo uscire dal coma.

Pubblicato il 09/09/2020 alle 00:07
Fonte: Ew.com, Wikipedia inglese (link alla fonte principale)
Melvin Blank, meglio conosciuto come Mel Blanc, fu l'uomo la cui voce accompagnò tutti i bambini degli USA per decenni. Era la voce originale di Bugs Bunny, Daffy Duck, Porky Pig, ma anche della maggior parte dei personaggi dei Looney Tunes e di Hanna-Barbera (tra cui Barney dei Flintstones).
Blanc, soprannominato "L'uomo dalle mille voci" è considerato una delle persone più influenti nell'industria del doppiaggio.
Una storia curiosa risale a un incidente che Blanc ebbe nel 1961. Mentre guidava, si scontrò con l'auto di un 18enne e rischiò la morte.
Blanc, affetto da una tripla frattura cranica, rimase in coma per due settimane.
I neurologi provarono in diversi modi a svegliarlo, rivolgendosi a lui con diversi approcci. Alla fine, racconta il figlio di Blanc, provarono a rivolgersi non al doppiatore, ma ai suoi personaggi.
La TV sopra al letto di Blanc era accesa e stava trasmettendo i Looney Tunes. Così, il neurochirurgo chiese "Bugs, mi senti?". Tutti furono sorpresi nel sentirlo rispondere, con la voce del coniglio: "Che succede, Doc?".
Gli chiesero ancora: "Come ti senti oggi Bugs?"
E lui rispose: "Eh… bene dai, Doc. E tu?"
In questo modo fu possibile ricondurlo fuori dal coma. Si parla di questo evento come della volta in cui Bugs Bunny salvò il suo doppiatore.

Public Domain via Wikipedia

Warner Bros. // Wikipedia


Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!