Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Le famiglie vittoriane spesso tenevano dei ricci in cucina per scacciare gli insetti portatori di peste

Le famiglie vittoriane spesso tenevano dei ricci in cucina. I ricci si nutrivano di scarafaggi e di altri animali portatori di malattie, aiutando così a mantenere pulizia e igiene

Pubblicato il 02/03/2017
Fonte: Charles Dickens Museum , Indipendent.co.uk, Beastly Possessions: Animals in Victorian Consumer Cultu

Si tratta di qualcosa di decisamente insolito, ma varie fonti lo riportano, tra cui il Charles Dickens Museum: le famiglie inglesi nell'età vittoriana tenevano spesso dei ricci in cucina. A quel tempo l'igiene era un problema più grave di quanto non sia oggi, e le cucine erano preda facile di insetti come gli scarafaggi, pericolosi perché portatori di varie malattie tra cui tubercolosi e peste.

I ricci, infatti, cacciano questo genere di insetti, soprattutto di notte (mentre di giorno spesso si chiudono a palla e dormono). Un testo che si trova su un tavolo al Charles Dickens Museum:

"I ricci venivano talvolta tenuti nelle cucine vittoriane affinché mangiassero gli insetti, perché c'era una continua guerra contro di essi. L'atto di tenere pulita la tua cucina non era visto solo come una questione di igiene, ma anche come un dovere morale. Una casa sporca, si pensava, produceva persone disoneste"



La cucina al Charles Dickens Museum
ricci in cucine vittoriane Riccio
Foto di Amaya Eguizábal da Pixabay
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!