Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

L'Esercito Fantasma, l'unità tattica che "impersonava" altre unità per confondere i nazisti

Durante la Seconda Guerra Mondiale, l'esercito americano aveva un'unità tattica per fuorviare gli avversari, chiamata "Esercito Fantasma": il lavoro di queste truppe era quello di impersonare altre unità per confondere i nemici. Organizzavano degli "show itineranti", usando false trasmissioni radio, effetti sonori e carri armati gonfiabili, e recitando veri e propri copioni. La loro attività portò ad alcune grandi vittorie Alleate.

Pubblicato il 16/09/2021

Durante la Seconda Guerra Mondiale, l'esercito degli Alleati aveva una speciale unità tattica la cui unica missione era impersonare altre unità, per ingannare e confondere gli avversari. Si trattava del cosiddetto Esercito Fantasma: soldati che, prima di essere arruolati, erano attori e artisti.

L'Esercito Fantasma faceva le cose in grande, e con straordinaria precisione, perché la missione era di primaria importanza: sembrare reali per ingannare i nazisti. Avevano carri armati gonfiabili in gomma, ma anche aeroplani gonfiabili. E poi c'erano costumi elaborati, trasmissioni radio create ad arte e altoparlanti che riproducevano effetti sonori.

Gli "oggetti di scena" erano decisamente efficaci. L'Esercito Fantasma aveva 1100 uomini in tutto, e tra il 1944 e il 1945 organizzò almeno venti "spettacoli", iniziando in Normandia due settimane dopo il D-Day. Queste performance avvenivano ad appena poche centinaia di metri dalla prima linea.

Questo "esercito di gomma" confondeva le forze dell'Asse sfruttando le grandi abilità teatrali dei soldati. Il loro ruolo era quello di creare caos e confusione. Ma non mettevano in scena soltanto la parte visiva. C'era anche l'inganno dei suoni: un team di ingegneri si era premurato di registrare una serie di suoni a Fort Knox, per poter riprodurre il rumore di carri armati e fanteria. I finti suoni potevano arrivare anche a 20 km di distanza.

Ma non è tutto. C'era anche una "finta radio": altri attori che impersonavano dei veri operatori radio di vere unità. L'Esercito Fantasma mimava anche i diversi, particolari metodi con cui venivano mandati i codici Morse. Una delle illusioni create, ad esempio, era quella che gli Alleati fossero ancora in un'area che in realtà avevano già lasciato. Queste tattiche erano così convincenti che le forze dell'Asse arrivarono a comunicarsi a vicenda che gli Alleati stavano preparando una battaglia in un luogo che, in realtà, era totalmente vuoto.

Secondo alcune stime, l'Esercito Fantasma ha salvato decine di migliaia di vite alleate, ed è stato di importanza fondamentale per decine di grandi vittorie degli alleati in Europa.

Un carro armato gonfiabile dell'Esercito FantasmaLo stemma dell'Esercito Fantasma
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!