Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

In Australia puoi assumere qualcuno affinché si imbuchi al tuo funerale per svelare i tuoi segreti a tutti

In Australia puoi assumere un "confessore di bara", che si imbucherà al tuo funerale e rivelerà tutti i tuoi segreti ai tuoi cari.

Pubblicato il 20/09/2020
All'inizio di questo mese i media Australiani hanno intervistato e riportato la storia di un uomo la cui professione è decisamente curiosa.
Si tratta del "coffin confessor", il confessore di bara che, in cambio di un lauto compenso, si infiltrerà al tuo funerale per svelare ai tuoi cari i tuoi segreti più intimi.
L'uomo intervistato si chiama Bill Edgar. Le persone sul letto di morte chiamano Mr Edgar e gli raccontano alcuni segreti. In cambio di 10.000 dollari, Edgar è disposto ad imbucarsi al loro funerale e a fare qualsiasi cosa.
Un tempo Edgar era un investigatore privato. L'idea di lavorare come confessore di bara è sorta mentre lavorava per un uomo malato terminale. In due anni, l'uomo ha "rovinato" 22 funerali. Vestito elegantemente, si integra alla perfezione con le persone in lutto. Poi agisce.

Per il suo primissimo cliente, a Mr Edgar venne chiesto di interrompere il migliore amico durante l'elogio. "Dovevo dirgli di sedersi e di stare zitto. Il mio cliente sapeva che stava cercando di andare a letto con sua moglie".
Ha anche chiesto a tre persone di lasciare la cerimonia, dal momento che la loro presenza non era gradita.

I cari del defunto sono sempre molto incuriositi dalla possibilità di scoprire ciò che era stato lasciato non detto.
L'arroganza è ciò che rende questo lavoro possibile. Una volta, per esempio, il confessore di bara ha dovuto chiedere al prete di sedersi e di non parlare, visto che il cliente non voleva una funzione religiosa.

Il coffin confessor si protegge registrando le confessioni dei clienti. A volte capita che questi ultimi gli chiedano di distruggere alcuni oggetti di loro proprietà che non vogliono che vengano trovati, tipo pornografia, armi o droghe.

Intervistata dalla ABC, la psicologa Shona Innes non esprime un giudizio positivo sul lavoro del confessore di bara. "Non è salutare" dice "Sarebbe meglio risolvere questi problemi finché si è in vita". Sganciare la bomba dalla tomba e lasciare la famiglia a gestire la cosa può essere molto pericoloso.
Forse, in molti casi, è questione di coraggio.

funerale
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!