Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi

Nella Abbazia di Westminster, le ceneri di Stephen Hawking sono seppellite tra la tomba di Charles Darwin e quella di Isaac Newton

Le ceneri di Stephen Hawking sono state seppellite nella Abbazia di Westminster, tra la tomba di Charles Darwin e quella di Isaac Newton, in una sezione chiamata “Angolo degli Scienziati”. Dopo il servizio funebre, come ultimo omaggio, l’Agenzia Spaziale Europea ha irradiato una registrazione di alcune frasi di Hawking verso il più vicino buco nero.

Pubblicato il 01/12/2021

Stephen Hawking, leggenda della fisica contemporanea, è morto il 14 marzo 2018. Le sue ceneri sono state posate nel cosiddetto Scientists’s Corner (angolo degli scienziati), tra i resti di Isaac Newton e di Charles Darwin, nell’Abbazia di Westminster.

Durante la funzione tenutasi sul luogo per dare l’ultimo saluto al grande scienziato, il premio Nobel Thorne ha reso omaggio al suo amico Hawking dicendo che i futuri scienziati non sarebbero stati “sulle spalle dei giganti”, come aveva fatto Newton, ma "sulle spalle di Hawking".

In quella che è stata grande dimostrazione dell'affetto del pubblico nei confronti di Hawking – non soltanto gigante della scienza, ma anche autore di best-seller e icona della cultura pop – 27.000 persone avevano fatto domanda per partecipare all'evento: di queste, 1.000 sono state selezionate. Tra loro c’erano tantissimi studenti di ogni età.

Benedict Cumberbatch, che ha interpretato Hawking nel dramma della BBC del 2004, si è recato al Grande Leggio dell'Abbazia per leggere il primo passo del Libro della Sapienza.

È stata anche ricordata la determinazione di Hawking dopo che gli era stato diagnosticato il disturbo degenerativo della sclerosi laterale amiotropica. Come è noto, gli era stato detto che avrebbe potuto passare a miglior vita prima ancora di terminare il dottorato. "In seguito ha detto 'tutto quello che è successo dopo è stato un bonus'".

Dopo il servizio, le parole di Hawking, messe in musica dal compositore greco Vangelis, sono state trasmesse nello spazio da una parabola satellitare dell'Agenzia spaziale europea in Spagna. Lucy Hawking ha detto che la musica sarebbe diretta al "buco nero più vicino, 1A 0620-00", a più di 3000 anni luce dalla Terra.

Stephen Hawking
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!

Continua a leggere