Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

L'arpia, l'aquila che prende il nome dalla creatura mitologica greca

Estremamente rara, l'arpia prende il nome dalla creatura mitologica greca. Si tratta del rapace più potente delle foreste pluviali: ha un'apertura alare di 2 metri

Pubblicato il 06/02/2018
Fonte: Wikipedia inglese (link alla fonte principale)
L'aquila arpia è un'aquila molto particolare. Si tratta del più largo e potente rapace delle foreste pluviali.

Il nome della specie (harpyja) e la parola "arpia" vengono entrambi dal termine dell'antica Grecia, "hárpuia" (ἅρπυια), che si riferiva a una creatura mitologica, spirito del vento che portava i morti all'Ade, e che aveva un corpo d'aquila e una faccia umana.

L'aquila arpia ha un corpo coperto di piume scure, con il lato inferiore chiaro. Le femmine arrivano a pesare 9 kg, con l'apertura alare che può superare i due metri.
L'arpia può diventare aggressiva per l'uomo se teme di essere in pericolo.

Le arpie sono rare, e si possono trovare in Messico, nell'America Centrale e in Sud America. In Brasile se ne possono trovare di più. Il loro habitat è quello delle foreste pluviali, al momento a rischio. Al momento, nel Bacino dell'Amazzonia ne sono rimasti solo pochi esemplari. L'IUCN considera l'aquila arpia, a causa della minaccia della deforestazione, "prossima alla minaccia di estinzione".



aquila arpia
Aquila arpiaAquila arpia
aquila arpia
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!