Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Love Commando, i paladini indiani che difendono dalle caste i giovani innamorati

In India c'è un gruppo di paladini, chiamati "Love Commandos". Proteggono e danno assistenza alle giovani coppie che si amano ma che, provenendo da caste diverse, subiscono aggressioni e violenze

Pubblicato il 08/02/2018
Fonte: Wikipedia inglese
Si chiamano Love Commando, e sono i paladini indiani dell'amore.

Si tratta di una organizzazione no-profit, che aiuta le coppie innamorate, proteggendole dalle violenze e dai delitti "d'onore".
Una triste realtà indiana, infatti, è quella dei matrimoni combinati. Spesso sono i genitori a decidere chi un indiano e un'indiana dovranno sposare. I fattori di scelta sono diversi: tra tutti, spiccano la casta di appartenenza, l'oroscopo, il patrimonio... L'amore è purtroppo scarsamente considerato. Si arriva ad affermare che innamorarsi in India porta ad essere socialmente stigmatizzati: l'amore tra diverse caste, religioni e classi sociali può essere molto problematico. La violenza è una delle conseguenze più comuni: le storie possono finire tragicamente con un delitto "d'onore".

La polizia, talvolta, rifiuta di proteggere quelle coppie, e a volte arriva a supportare i genitori, arrestando lo sposo con false accuse di stupro.

I Love Commandos sono giornalisti, uomini d'affari, avvocati e attivisti. Essi offrono protezione agli innamorati, dalle violenze degli estremisti religiosi. Hanno rifugi segreti dove le coppie possono nascondersi finché non sono economicamente autosufficienti. Offrono anche aiuto legale, aiutando a registrare ufficialmente il matrimonio.

Il fondatore dei Love Commando è Harsh Malhotra, un agente di viaggi che venne aggredito e fu costretto alla fuga quando la famiglia di sua moglie scoprì la loro relazione.

Love Commando, i paladini indiani dell'amore

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!