Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il pessimo accordo che un avvocato stipulò con Jeanne Calment

All'età di 90 anni, Jeanne Calment era rimasta senza eredi, e stipulò un accordo con un avvocato di 47 anni: lui le avrebbe pagato un'indennità mensile per il resto della vita, e in cambio lei gli avrebbe ceduto il suo appartamento alla morte. La donna però visse più di lui, e la vedova dell'avvocato proseguì i pagamenti. Calment, che diventò la donna più longeva mai vissuta, morì a 122 anni e ricevette in totale una somma che era circa il doppio del valore del suo appartamento.

Pubblicato il 09/12/2019
Fonte: Wikipedia inglese (link alla fonte principale)
Jeanne Calment, nata il 21 febbraio 1875 e morta il 4 agosto 1997, è la donna più longeva di sempre tra coloro che hanno potuto provare in maniera sufficientemente affidabile la propria età. Visse 122 anni e 164 giorni.
Nata e morta ad Arles, in Francia, è stata studiata a lungo, sia da chi cercava di capire il "segreto" della sia longevità (magari cercandolo nei geni), sia dagli scettici che vollero provare – senza concludere nulla di significativo – che l'età della donna non era quella dichiarata.

La donna ebbe una vita agiata, e si godette la giovinezza tra la nobiltà di Arles. Ebbe una figlia, Yvonne, che morì di pleurite nel 1934. Nel 1942, invece, all'età di 73 anni, morì suo marito Fernand. Jeanne rimase nello stesso appartamento, con il genero (vedovo della figlia) e il nipote, che morirono entrambi nel 1963 (il secondo in un incidente d'auto).
Rimasta senza eredi, a 90 anni, Calment firmò un accordo di "tenuta di vita" (vendita en viager, come si dice in Francia, o ipoteca inversa) sul suo appartamento con l'avvocato André-François Raffray. La proprietà venne passata a quest'ultimo, ma la donna avrebbe avuto il diritto di usufruirne per tutta la vita, e avrebbe ricevuto un'indennità mensile di 2500 franchi (corrispondenti agli odierni 350/400 euro).
Quello che Raffray non si sarebbe mai aspettato è che la donna visse più di lui, che invece morì nel 1995. A quell'epoca, Calment aveva da lui già ricevuto talmente tante indennità da superare il doppio del valore dell'appartamento. Il commento della donna fu semplicemente questo: "nella vita, a volte, si fanno affari sconvenienti". La vedova dell'avvocato continuò a pagare le indennità per altri due anni.

Jeanne Calment
Fair use





Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!