Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il jedek, la lingua malese che non contiene le parole "rubare" e "vendere"

In Malesia è stata scoperta una lingua, chiamata jedek. Viene parlata solo da 280 persone, e non contiene le parole "rubare" e "vendere": i parlanti jedek non conoscono questi concetti. Vivono supportandosi a vicenda, contribuendo ciascuno al bene della comunità

Pubblicato il 15/02/2018
Fonte: La Repubblica, Wikipedia inglese (link alla fonte principale)
La lingua Jedek è parlata da solo 280 persone. La loro etnia è detta Semang, e vivono in Malesia da tempo immemore.
Il jedek è stato scoperto da pochissimo: ne hanno parlato alcuni ricercatori sull'ultimo numero di Linguistic Typology (uscito da pochi giorni).
I parlanti jedek vivono una vita molto semplice: sono dediti alla caccia, alla raccolta e alla coltivazione. La loro lingua è unica ed esclusiva, ma ha radici antiche.

La lingua jedek riflette lo stile di vita della comunità, che non solo è molto semplice ma anche incredibilmente pacifico. Si tratta di persone dedite alla condivisione e alla comunità. Non esistono, infatti, parole che indicano il concetto di "rubare", ma neanche "vendere".
I parlanti jedek semplicemente non conoscono questo concetto.
Ma c'è dell'altro: la popolazione Semang non ha leggi, non ha competizione, non ha professioni. Tutti gli abitanti contribuiscono alla sopravvivenza della comunità, pronti a condividere le proprie risorse per il bene di tutti.
Un modo essere umani che è davvero lontano dal nostro. Che ne pensate, forse è possibile solo per comunità molto piccole? C'è da rifletterci sopra.

La scoperta della lingua jedek è stata fatta per caso. Alcune zone dell'Asia sono uno scrigno di diverse lingue e culture, soprattutto le zone vicine alla Papua Nuova Guinea.

comunità di parlanti jedek
Lund University

comunità di parlanti jedek
Lund University




Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!