Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Quando un ananas venne scambiata per un'opera d'arte

In Scozia due studenti sono andati in una galleria di arte moderna e hanno lasciato un ananas in un allestimento vuoto, per vedere quante persone potessero scambiarla per un'opera d'arte. Quando sono tornati, quattro giorni dopo, non solo l'ananas era ancora là, ma era anche stata coperta con una teca di vetro.

Pubblicato il 04/11/2019
Può un ananas diventare un pezzo d'arte postmoderna?
Non è una risposta facile, perché dovremmo tirare in ballo una serie di discussioni filosofiche su cosa sia, effettivamente, l'arte, e cosa non possa essere arte.
Di certo un buon contributo a questa discussione l'hanno fornito due studenti scozzesi che, per scherzo, hanno lasciato un ananas su un tavolo vuoto di una mostra d'arte alla Robert Gordon University di Aberdeen, nella Scozia settentrionale.
Quando tornarono, quattro giorni dopo, furono shockati nel constatare che non solo l'ananas era ancora lì, ma era addirittura stato coperto con una teca di vetro. Insomma, era stato trasformato a tutti gli effetti in una delle opere d'arte dell'esibizione.

Uno dei due studenti, Lloyd Jack, ha messo la foto dell'ananas su Twitter, affermato "Ho fatto arte". Il suo post è diventato virale, innescando una serie di discussioni di vario tipo.
Jack, insieme all'altro studente, Ruairi Gray, ha affermato di essere rimasto impressionato dall'attenzione ricevuta dalla cosa. Il suo lavoro è rimasto in mostra per una settimana, prima che venisse rimosso.
L'ananas, ha detto, può essere una metafora del Regno Unito che lascia l'Unione Europea, rimanendo da solo, destinato a marcire, proprio come il frutto sotto la teca di vetro (la Scozia, al contrario dell'Inghilterra, ha votato con maggioranza schiacciante per rimanere dentro l'UE).

Ananas opera d'arte
Lloyd Jack // Twitter
Ananas opera d'arte
Ruairi Gray // Twitter



Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!