Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

La città di Soči, Russia, ha eretto una statua da 3800$ per il pesce che la liberò dalla malaria

Nei primi decenni del 1900 molti esemplari di gambusia affinis vennero introdotti di proposito nella città di Soči, Russia, nella speranza di combattere l'infestazione di zanzare portatrici di malaria, di cui il pesce si nutre. Funzionò: negli ultimi 60 anni non ci sono stati casi di malaria tra i residenti di Soči. Di recente, la città ha eretto una statua di 3800$ in onore della gambusia

Pubblicato il 07/10/2019
Fonte: Russia-ic.com, Wikipedia inglese (link alla fonte principale)
Soči è una città che si trova nella Russia meridionale, ed è situata sulle rive del Mar Nero. È famosa in quanto centro di villeggiatura, visto il clima molto più mite rispetto al resto del paese. Molti di voi l'avranno sentita nominare nel 2014, dal momento che la città ha ospitato i Giochi olimpici invernali di quell'anno.
Nei primi anni del 1900 la zona su cui era costruita la città era infestata di zanzare portatrici di malaria, visto il terreno paludoso.
Nel 1925 vennero importati degli esemplari di gambusia, che furono immessi alla foce del fiume Mzimta.
La gambusia affinis, nativa dei bacini del golfo del Messico, è un'ottima arma contro le zanzare, dal momento che si nutre delle larve.
L'introduzione della gambusia a Soči ha risolto il problema della malaria. Ad oggi, l'ultimo caso registrato risale al 1956.

Per questo, nel 2010 la città ha eretto una statua alla gambusia, spendendo 3800$. Pare che, tra l'altro, non sia l'unico luogo al mondo a celebrare questo pesce con statue e monumenti.





Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!