Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

L'incidente aereo che trasformò i detenuti di Rikers Island in eroi

Nel 1957 un aereo si schiantò su Rikers Island, la più grande prigione di New York. 57 detenuti corsero ad aiutare i sopravvissuti. Per ringraziarli, molti dei prigionieri che avevano aiutato vennero liberati o ebbero la pena ridotta.

Pubblicato il 05/06/2019
Fonte: Wikipedia inglese, New York Post, Atlas Obscura (link alla fonte principale)
In una notte di febbraio del 1957 l'aereo Northeast Airlines Flight 823 decollò dall'Aeroporto di New York LaGuardia, oscillando nel cielo flagellato da una tempesta di neve. C'erano 95 passeggeri, contenti di essere finalmente partiti dopo oltre tre ore di attesa dovute al tempaccio.
Subito dopo la partenza, però, l'aereo cadde e si schiantò su Rikers Island, andando a fuoco. Tra i passeggeri si scatenò il panico. I bambini vennero lanciati fuori, e rotolarono sulla neve. L'ultima esplosione dell'aereo si portò via 20 vite, e i sopravvissuti gridarono alla ricerca di aiuto.
Erano passati meno di 2 minuti dal momento dello schianto, e improvvisamente l'aiuto sperato giunse. Si trattava di 57 detenuti della prigione di Rikers Island, la maggiore di New York. Quella notte, il loro contributo fu fondamentale e permise di non perdere altre vite umane. Fu così che quegli uomini divennero eroi: la città di New York decise di premiarli, e molti vennero liberati (con pena commutata), mentre altri ebbero la pena ridotta.


Prigione di Riker Island
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!