Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

La storia della leonessa che crebbe con una famiglia del Texas negli anni '50

Negli anni ’50 un businessman texano acquistò una leonessa da tenere come animale domestico. Questa non causò mai alcun problema: interagiva affettuosamente con tutti, facendosi anche cavalcare dai bambini. Visse fino alla vecchiaia, rimanendo con la famiglia per tutta la vita

Pubblicato il 13/05/2018 alle 20:31
Fonte: chron.com, messynessychic.com
Nel 1955 la rivista LIFE mandò un suo fotografo, Joseph Scherschel, a passare una giornata insieme a una famiglia del Texas molto particolare.
L’articolo di cui doveva occuparsi Scherschel aveva un titolo particolare: “Living Room Lion – Blondie, A Docile 200-Pound Texan, Becomes A Member of the Family” (“Un leone da soggiorno – Blondie, un docile texano da 90 kg, diventa membro della famiglia”).
Il “gattone” di 90 kg apparteneva a Charles Hipp, un uomo d’affari di Graham, che si occupava di petrolio. Verrebbe da pensare che Hipp era solo un altro uomo ricco annoiato che cerca divertimenti folli, ma la sua storia è un po’ diversa.
Hipp, orfano a 4 anni, era stato cresciuto in un circo, sviluppando una connessione con molti animali esotici. Negli anni ’30 Hipp si era lasciato coinvolgere dalla realtà industriale, dove riuscì ad avere molto successo.
La leonessa Blondie venne acquistata dallo zoo di Dallas, quando aveva soltanto un mese di vita. Divenne subito un membro della famiglia, unendosi ai loro pranzi, giocando, lasciandosi fare il bagno, portando i bambini a cavalluccio.
La leonessa si univa anche ai viaggi della famiglia, e saliva anche sulla barca di Hipp.
Forse è possibile avere un leone come animale domestico?



Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!