Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il Lago Roopkund, l'inquietante specchio d'acqua colmo di scheletri sulle Himalaya indiane

Sull'Himalaya c'è un piccolo lago dove sono stati trovati centinaia di scheletri umani. In origine si riteneva che fossero i resti di persone morte in un unico, catastrofico evento. Uno studio recente, però, ha dimostrato che gli scheletri appartengono a diversi gruppi che sono arrivati al lago da differenti aree del mondo, anche a centinaia di anni di distanza, fin dal VII secolo. Ancora non è chiaro cosa abbia provocato tutte quelle morti.

Pubblicato il 07/11/2019 alle 16:17
Fonte: New York Times, Wikipedia inglese (link alla fonte principale)
Annidato tra le Himalaya indiane, a circa 5 km sopra il livello del mare, c'è il Lago Roopkund. Largo 40 metri, per la maggior parte dell'anno è completamente ghiacciato, e si presenta come una pozza ghiacciata immersa in una valle di neve. Nei giorni più caldi, però, offre uno spettacolo decisamente macabro, mostrando i resti di centinaia di persone. Scheletri, alcuni con lembi di carne ancora attaccata, emergono da quello che è anche conosciuto come "Lago degli Scheletri".

All'inizio si credeva che questi individui fossero tutti morti in un evento catastrofico, oltre 1000 anni fa. Un'indagine antropologica aveva studiato cinque scheletri, stimando che avevano almeno 1200 anni.

Roopkund Lake

Una nuova analisi genetica, pubblicata ad Agosto di quest'anno, ha svelato un'altra verità. Esaminando 38 resti, infatti, è stato scoperto che non ci fu un unico grande evento mortale, lassù. Piuttosto, diversi gruppi di persone hanno trovato la morte al Lago Roopkund, nell'arco di oltre un millennio.
Gli antropologi conoscono il Roopkund Lake da decenni, ma la provenienza degli scheletri inizia a svelarsi solo ora. Le analisi genetica hanno permesso di suddividere i resti in almeno tre gruppi genetici distinti. Uno era quello dei sud-asiatici contemporanei: gli scheletri di questo tipo si sono accumulati nel lago tra il VII e il X secolo. Non sono arrivati tutti in una volta sola.
Poi, circa un millennio dopo, sono comparsi gli individui di altri due gruppi genetici: uno di ascendenza est-asiatica e, curiosamente, uno di persone di ascendenza mediterranea.

Nessuno sa come questi individui hanno trovato la loro fine, lassù. Non ci sono tracce di infezioni batteriche. Forse può essere dovuto all'altitudine. Gli studi di anni fa avevano trovato tre individui con fratture da compressione, forse inflitte da slavine.
È anche difficile supporre che tutti siano morti allo stesso modo.

Un'ipotesi è che il sito avesse una certa rilevanza per diversi credi o riti religiosi. Forse gli scheletri sono stati portati lì apposta per essere sepolti nel lago.
Non c'è che da aspettare ulteriori studi per avere risposte più chiare.

Scheletri a Roopkund LakeRoopkund Lake d'estate
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!