Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Susan Walters, la donna che ha ucciso a mani nude il sicario mandato ad ucciderla

Nel 2006 un uomo di Portland ha assunto un sicario per uccidere sua moglie. Ma la donna ha ucciso il sicario a mani nude

Pubblicato il 03/08/2018
Fonte: nbcnews.com, Huffington Post (link alla fonte principale)
Nel settembre del 2006 Susan Walters era un’infermiera 51enne di Portland.
Un giorno, la Walters è rientrata a casa e vi ha trovato un uomo che l’ha aggredita. L’uomo era Edward Haffey, ed era un sicario assunto da suo marito, con cui l’infermiera stava divorziando, per uccidere la moglie.
Quando l’infermiera è entrata in casa, quel giorno, il sicario le è comparso davanti e l’ha aggredita con un cacciachiodi. È stata colpita in testa, ma la donna sapeva come difendersi ed è riuscita a disarmare l’aggressore, iniziando una lotta corpo a corpo.
Secondo la polizia, il sicario l’ha morsa, ma alla fine è riuscita a intrappolare l’avversario in una stretta alla gola, che lo ha strozzato fino ad ucciderlo.

“Sei forte” sono state le ultime parole dell’uomo.

Il matrimonio della donna era – si può intuire – infelice, e lei subiva abusi mentali ed emotivi, finché non è riuscita a chiedere il divorzio. Il marito, a quel punto, ha elaborato il piano per ucciderla, ma – evidentemente – sottovalutandola.
L’uomo è stato arrestato per l’assunzione del sicario, e condannato a 10 anni di prigione. È morto poco prima di finire di scontare la pena.

Susan Walters
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!