Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Ecco come Tokyo si libera di quasi tutti i suoi rifiuti

Tokyo ha un minuzioso programma di riciclo ideato per tenere quanta più spazzatura possibile fuori dalle discariche. Inceneriscono tutti i rifiuti combustibili, filtrano il fumo e i gas prima che vengano rilasciati nell'atmosfera e usano la cenere come sostituito dell'argilla nella produzione del cemento.

Pubblicato il 09/10/2019 alle 22:02
Fonte: Japantimes.co.jp (link alla fonte principale)
Era il 1973 quando il governatore di Tokyo dell'epoca, Ryokichi Minobe, dichiarò per la prima volta una "guerra contro la spazzatura", per salvare la metropoli soffocata dai rifiuti portati dalla rapida crescita del dopoguerra.
Il risultato di un lungo ed elaborato processo è che, oggi, i rifiuti vengono trasformati in materiale per creare nuova terra.
Con i 37 milioni di abitanti della usa area metropolitana, Tokyo riesce a rimanere incredibilmente pulita, persino quando per quanto riguarda la pulizia dell'aria. Tutto grazie al modo in cui la città gestisce e brucia i rifiuti.
Il tutto avviene in tre fasi: raccolta, incenerimento, discarica. Nel 2014, delle 2,7 milioni di tonnellate di rifiuti prodotti dalla città, 1/8 finì nelle discariche. Tutto il resto andò in fumo.

Case e aziende operano una accuratissima raccolta differenziata, che separa non solo i rifiuti riciclabili da quelli che non lo sono, ma anche oggetti combustibili (come i rifiuti organici, i sacchetti di plastica, i vestiti) e non (vetro, metallo, batteria, elettronica).
I rifiuti adatti vengono mandati a siti come l'impianto di incenerimento Shinagawa. Nelle loro fornaci, gli inceneritori danno alle fiamme tutto quanto.
Ciò che rimane sono gas esausti e cenere.
I primi devono essere trattati e filtrati con molta cura, per ridurre l'impatto ambientale di tossine come mercurio e diossina. I gas salgono attraverso tubi diretti all'esterno, ma sulla strada ogni sostanza nociva per ambiente e persone viene rimossa. Più di metà della struttura è dedicata a questo processo. "Dobbiamo proteggere l'ambiente per le persone che vivono nei dintorni" hanno dichiarato i manager.

Un altro prodotto della combustione è la cenere. Un impianto come quello di Shinagawa ne produce 180 tonnellate al giorno. La cenere, per fortuna, viene utilizzata come sostituto dell'argilla nella produzione del cemento. Oppure può essere sciolta a temperature elevatissime per creare un tipo di scoria da cui si può ottenere l'asfalto.


TIM HORNYAK

TIM HORNYAK
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!