Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Gli indistruttibili tardigradi sono sopravvissuti a tutte le estinzioni di massa della storia

Le minuscole creature chiamate "tardigradi" sono sopravvissute a tutte e cinque le estinzioni di massa della storia del mondo. Possono sopravvivere in acqua bollente, nel ghiaccio e anche se sottoposti ad intense radiazioni cosmiche. Possono andare avanti per decenni nel deserto, senza una goccia d'acqua da bere, o sui più profondi fondali degli oceani.

Pubblicato il 08/11/2021
Fonte: National Geographic, Wikipedia (link alla fonte principale)

I tardigradi (Tardigrada) sono piccole creature famose per la loro resilienza. Invertebrati a otto zampe, possono sopravvivere addirittura 30 anni senza cibo o acqua, e possono sopportare temperature estreme, radiazioni e perfino il vuoto cosmico.

Gli adulti hanno dimensioni molto varie, da 0,1 mm a 1,5 mm. Se le specie marine sono incolori, quelle d'acqua dolce (e terrestri) possono essere di vari colori. Ciò che li accomuna è la resistenza, e gli scienziati stanno ancora cercando di capire come fanno a sopravvivere a tutte queste condizioni estreme.

I tardigradi sono più volte sopravvissuti ad eventi di estinzione di massa, e ci si aspetta che eviteranno l'estinzione finché il nostro sole non diventerà una Gigante Rossa, tra circa sei miliardi di anni. Disastri come impatti di asteroidi ed esplosioni di supernove sono state indicate come la causa delle ultime estinzioni di massa della storia della Terra.

I tardigradi sono in grado di sopravvivere in condizioni che sarebbero letali per quasi tutti gli altri esseri viventi. Potrebbero resistere a mancanza d'acqua, anche per diversi anni, a temperature bassissime o alte (possono resistere per pochi minuti a temperature superiori ai 100°C e per parecchi giorni a -200°C), ad alti livelli di radiazione e a condizioni di bassa e alta pressione (il che consente loro di sopravvivere sui fondali oceanici).

Un tardigrado visto con un microscopio elettronico a scansione
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!