Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Durante la Seconda Guerra Mondiale, gli Alleati trasportavano la birra oltremanica usando i serbatoi dei caccia

Durante la Seconda Guerra Mondiale, diverse birrerie britanniche donarono grandi quantità di birra ai soldati Alleati al fronte. Dopo lo sbarco in Normandia, però, si pose il problema di come trasferire la birra lungo la Manica. I piloti della Royal Air Force idearono una soluzione creativa: usarono i serbatoi esterni per trasportare la birra al posto del carburante. Volare a grandi altezze aiutava anche a tenere la birra in fresco.

Pubblicato il 28/04/2021

Quando gli alleati invasero la Francia, durante la Seconda Guerra Mondiale, uomini e macchine dovevano essere mantenuti nelle condizioni migliori possibili. La logistica delle operazioni fu senza dubbio estremamente complicata, e c'era poco spazio per i "beni di lusso", che tuttavia potevano mantenere più alto il morale delle truppe.

Poco dopo l'invasione della Normandia, le truppe britanniche e americane erano scontente del fatto che mancavano bevande alcoliche nelle cittadine francesi liberate, ad eccezione del sidro. Quando alcune birrerie britanniche iniziarono a donare galloni di birra per le truppe al fronte, però, non c'era un modo semplice per farla arrivare agli uomini oltremanica.

Sui caccia non c'era spazio per portare carichi, ma i piloti della Royal Air Force pensarono ad una soluzione creativa: riempire i serbatoi esterni di birra invece che di carburante. Uno Spitfire poteva trasportare 90 galloni di liquido extra.

I piloti della RAF che travasano la birra nei serbatoi esterni

Le truppe di terra pulirono i serbatoi con il vapore prima di riempirli di birra. Le consegne speciali di questi caccia vennero chiamate "pub volanti" dai soldati riforniti.

L'operazione non avvenne del tutto senza problemi: nonostante la pulizia dei serbatoi, le prime consegne avevano ancora il sapore di carburante. Dopo essere stati usati più volte, il sapore svaniva ma rimaneva comunque un sentore metallico. Il problema venne risolto con la cosiddetta "Modification XXX", un cambiamento fatto dalle truppe di terra alle ali degli Spitfire Mk. IX che permetteva loro di trasportare veri e propri fusti di birra.

Questi presero il nome di "beer bombs" (bombe di birra), ed avevano un design particolare che permetteva di inserirsi bene sotto le ali degli Spitfire. La birra arrivava con lo stesso sapore di quella dei pub, ed era mantenuta fresca dal fatto di essere stata ad alta quota.

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!