Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il villaggio che è stato 40 giorni senza luce per permettere a un merlo di far schiudere le uova

In un villaggio del Tamil Nadu, India, alcuni residenti hanno scoperto che un merlo aveva deposto le sue uova accanto alla centralina che forniva energia ai lampioni del luogo. Tutti i cittadini hanno accordato di non accendere le luci finché le uova non si fossero schiuse. Ci sono voluti 40 giorni.

Pubblicato il 25/08/2020 alle 19:46
Fonte: The Better India (link alla fonte principale)
Questo luglio, in un villaggio chiamato Potthakudi, nel distretto Sivaganga del Tamil Nadu (India), i lampioni sono stati spenti per 40 giorni per aiutare un merlo Copsychus saularis a deporre e covare le proprie uova.

Tutto iniziò quando Karuppu Raja, il residente incaricato di accendere i lampioni della zona, ha notato un uccellino volare dalla centralina principale.
Fin da quando era bambino, Karuppu ha acceso i lampioni ogni giorno, alle 6 di pomeriggio, e li ha spenti alle 5 di mattina. Quando ha notato l'uccellino, però, ha osservato meglio e ha visto che stava radunando ramoscelli e steli d'erba secca. Stava chiaramente costruendo un nido. Nei tre giorni successivi, ogni volta che si avvicinava per accendere o spendere le luci, l'uccellino scappava. Il quarto giorno, poi, Karuppu ha notato che nel nido erano comparse tre uova blu con macchie marroni.
L'uomo voleva che il merlo potesse avere un rifugio dove si sentisse sicuro. Si rese conto che non poteva accendere i lampioni per diversi giorni.
"Ho fotografato il nido e ho condiviso la foto sul gruppo WhatsApp dei residenti del villaggio. Ho spiegato che volevo fornire un luogo sicuro per il merlo e ho chiesto il loro supporto riguardo al non accendere le luci. Molti compaesani hanno pensato che fosse un'opportunità per restituire qualcosa a madre natura, e hanno accettato."

Il giorno seguente i capi del villaggio hanno visitato il nido: "L'uccello aveva finito di costruirlo e teneva con sé foglie, erba e paglia. Durante il lockdown ho visto molte persone soffrire per le strade, senza un luogo dove stare. Non volevo che l'uccello passasse per la stessa sofferenza, così ho accettato di lasciar spenti i lampioni" ha detto uno dei due.
Uno dei cavi è stato coperto con del nastro per evitare che il merlo potesse ferirsi. Per il resto, i capi villaggi sono andati porta a porta per chiedere ai residenti di stare attenti durante la notte.
40 giorni dopo che l'uccello aveva deposto le uova, i tre pulcini sono nati e sono tutti in salute.

nido e pulcino di Copsychus saularis
Karuppu Raja
uova di Copsychus saularis
Karuppu Raja



Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!