Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il sacrificio del marinaio russo Sergei Preminin salvò l'Atlantico da scorie nucleari

Nel 1986 il marinaio russo Sergei Preminin sacrificò la propria vita per prevenire una catastrofe nucleare sul sottomarino sovietico K-219. Il sottomarino era al largo delle coste delle Bermuda, e l'incidente avrebbe diffuso scorie nucleari per tutta la costa atlantica nordamericana.

Pubblicato il 27/08/2021
Fonte: Wikipedia inglese (link alla fonte principale)

Sergei Preminin era un marinaio russo che iniziò a servire la marina sovietica nel 1984. Dopo un addestramento speciale, Preminin iniziò a servire sul sottomarino nucleare K-219.

Il 3 ottobre del 1986, al largo delle coste delle Bermuda, sul K-219 ci fu un'esplosione in uno dei compartimenti. Tre marinai vennero uccisi immediatamente, e gli altri si affrettarono a compiere le operazioni necessarie allo spegnimento del reattore nucleare.

Ben presto, però, le temperature del reattore salirono e raggiunsero livelli allarmanti, finché non fu chiaro che l'esplosione era imminente. Lo spegnimento del reattore, però, non poteva essere portato a termine dalla stazione di controllo. Le aste di controllo erano state danneggiate e non potevano più essere spostate se non manualmente.

Era necessario andare direttamente nella camera del reattore, ma chi lo avesse fatto sarebbe stato esposto a forti radiazioni, poiché le tute da contaminazione di bordo non erano progettate per proteggere i marinai dalle forti radiazioni gamma e neutroni direttamente nelle vicinanze del nocciolo del reattore.

L'ufficiale Nikolay Belikov e il suo subordinato, Sergei Preminin, accettarono di mettere le proprie vite a rischio. A causa della temperatura altissima, Belikov svenne e Preminin fu costretto a spostare le aste da solo. Un lavoro che richiedeva una grande forza fisica, anche perché le aste erano ormai deformate dal calore.

Preminin non riuscì ad uscire dalla stanza del reattore e morì lì dentro. Aveva sacrificato la propria vita per prevenire un disastro nucleare nell'Atlantico. Dopo la morte, il marinaio venne insignito di diversi onori militari.

Il sottomarino K219
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!