Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

I millenials sono una generazione “beneducata”:

I millenials sono una generazione “beneducata”. Gli studi mostrano che, rispetto alle generazioni precedenti, gli abusi di sostanze sono calati del 49%, i comportamenti delinquenziali (come il furto) del 34% e le gravidanze giovanili del 40%

Pubblicato il 01/10/2018 alle 21:47
Si sa, le persone un po’ più mature tendono a lamentarsi dei giovani, e questo succede da millenni (con tutta probabilità).
Ma chi lo fa ai giorni nostri è particolarmente in errore. È possibile che le generazioni che hanno vissuto la loro adolescenza tra gli anni 60 e gli anni 2000 si siano comportate in modo particolarmente selvaggio.
Ma dopo di allora gli adolescenti si sono dati una calmata. A tal punto che c’è chi definisce i millenials una generazione “noiosa”.
(Nota: con “millenials” ci riferiamo a quella generazione che viene anche detta “Generazione Z”, ovvero i dati dalla metà degli anni ’90. Spesso, il termine viene utilizzato per indicare a generazione precedente, la “Y” ).

Diverse ricerche, condotte principalmente in ambito inglese o americano, mostrano che i teenager si stanno comportando incredibilmente bene ultimamente. Tra il 2003 e il 2014, ad esempio, i disturbi da abuso di sostanze si sono ridotti del 49%, come riporta un paper dell’Università di Cambridge.
I comportamenti delinquenziali, come la violenza e il furto, sono calati del 34%. In America, inoltre, le gravidanze adolescenziali si sono ridotte drasticamente (40%), per il dispiacere di programmi come Teen Mom. Questo è dovuto sia a un comportamento sessuale meno sfrenato (insomma, gli adolescenti di oggi fanno meno sesso) sia a un maggior uso dei contraccettivi.
Un’altra ricerca americana, il Youth Risk Behavior Surveillance Survey, ha avuto gli stessi risultati.

Non è ben chiaro a cosa sia dovuta questa positiva inversione di tendenza. Verrebbe da pensare che l’avvento di Internet possa aver avuto il suo influsso. Se così fosse, comunque, il mondo dei social network è purtroppo anche un mondo estremamente narcisistico, e su questo chi critica i giovani ha, purtroppo, ragione. Gli adolescenti di oggi, infatti, se pur si comportano meglio, tendono ad essere anche più narcisisti, depressi e ansiosi.

millenials
Foto di StockSnap da Pixabay

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!