Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Ecco come i film di Indiana Jones hanno effettivamente cambiato l'archeologia

I film di Indiana Jones hanno a tutti gli effetti cambiato l'archeologia: il numero di studenti di questa materia è aumentato sensibilmente dopo "I predatori dell'arca perduta", e alcuni dei migliori archeologi al mondo oggi dicono che Indiana Jones è ciò che ha acceso il loro interesse iniziale nella disciplina

Pubblicato il 26/04/2017 alle 20:50
Fonte: National Geographic, Washington Post (link alla fonte principale)
Tutti hanno sentito parlare di Indiana Jones, e moltissimi (se non quasi tutto) hanno visto almeno uno dei film.
Si tratta sicuramente dell'archeologo di fantasia più celebre di sempre.

Il potere di Indiana Jones non si esaurisce nei suoi film, ma si riverbera anche nel mondo reale.
Kevin McGeough ha ad esempio analizzato il cambiamento che Indiana Jones ha provocato nello stereotipo dell'architetto, prima rappresentato nella mentalità collettiva da un individuo anziano e poco vitale.
Adesso, l'immagine stereotipica dell'architetto coincide quasi perfettamente con quella del celebre personaggio dei film.

Ma non è tutto: Indiana Jones ha a tutti gli effetti cambiato il corso, la storia e il destino dell'archeologia. Nel 2015 una mostra americana, intitolata Indiana Jones and the Adventure of Archaeology, è stata dedicata a questo tema.
In quell'occasione l'archeologo Fred Hiebert, del National Geographic, ha dichiarato che è possibile documentare statisticamente l'impatto dei film, basandosi sul numero degli studenti di archeologia prima e dopo il primo film.
"Alcuni dei migliori archeologi del mondo oggi dicono che Indiana Jones è ciò che ha accesso il loro interesse iniziale nella materia."
Hiebert sostiene che George Lucas lascerà una grande eredità per archeologia.

Indiana Jones
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!