Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Hedy Lamarr, l'attrice ed inventrice che faticò ad essere considerata se non per la bellezza

L'attrice Hedy Lamarr venne definita "la donna più bella del mondo". Era anche una matematica e un'inventrice, e sviluppò una tecnica di trasmissione radio che è ancora oggi impiegata nel Bluetooth e in diversi tipi di comunicazione wireless. Ricevette una stella sulla Hollywood Walk of Fame nel 1960, ma fu soltanto nel 2014 (14 anni dopo la sua morte) che ella venne inserita nella National Inventors Hall of Fame. Passò la propria vita desiderando che le persone la notassero per il suo cervello e non soltanto per la sua bellezza.

Pubblicato il 27/06/2021

La Metro Goldwyn Mayer la definì "la donna più bella del mondo". Ma Hedy Lamarr non era solo questo. Tutt'altro. La sua bellezza, per quanto notevole, passa assolutamente in secondo piano quando ci si sofferma un secondo sulle scoperte scientifiche dell'inventrice e attrice che divenne famosa come star di Hollywood negli anni '40 ma, purtroppo, divenne celebre come inventrice soltanto molto tempo dopo.

Da alcuni oggi chiamata (forse un po' impropriamente) "la madre del Wi-Fi", Hedy Lamarr ebbe a tutti gli effetti una vita talmente incredibile da superare qualsiasi ruolo la donna possa aver interpretato ad Hollywood.

Nata nel 1914, si sposò per la prima volta nel 1933. Suo marito era un simpatizzante di Mussolini, nonché (nessuna sorpresa) un uomo abusante e controllante. Lamarr osservò i suoi traffici di armi austriache, abbastanza a lungo da raccogliere informazioni che, poco tempo dopo, avrebbe riferito all'esercito degli Stati Uniti. Poi, vestendosi come la sua domestica e fingendo di essere lei, fuggì a Parigi in piena notte.

Dopo aver conosciuto il capo degli studios della MGM, Louis B. Mayer, ella lo impressionò talmente tanto da ottenere un rapido e glorioso ingresso ad Hollywood. La MGM la amava per il suo aspetto, definendola spesso "la donna più bella del mondo". Non interessavano molto, invece, le sue abilità recitative. "Tutto quello che devi fare è stare ferma e sembrare stupida" disse una volta Lamarr, riferendosi alla sua esperienza ad Hollywood.

Hedy Lamarr
Bombshell: The Hedy Lamarr Story

Ben presto, la donna si stufò di restare ferma e iniziò a dedicarsi ad altro. Aveva una profonda passione per le invenzioni, e iniziò a progettare un gran numero di device di ogni tipo. Mettendosi d'accordo con l'aviatore (e milionario) Howard Hughes, abbozzò un nuovo tipo di design per le ali degli aeroplani, ispirato a pesci e uccelli.

Dopo aver conosciuto il compositore George Antheil, i due scoprirono di avere in comune la passione per le invenzioni e la curiosità. Antheil traslò le sue conoscenze in ambito musicale e Lamarr quelle in ambito militare, e insieme i due crearono un device per i "salti di frequenza" (frequency-hopping spread spectrum), che permetteva di guidare i missili sottomarini in un modo che fosse irrintracciabile dai nemici. Oggi, la stessa tecnologia è sfruttata nelle comunicazioni wireless e nel Bluetooth.

Hedy Lamarr cercò per tutta la vita di farsi notare per il suo cervello, ma con scarsi risultati. Tutti la vedevano come una "bambolina", e consideravano solo il suo aspetto fisico. Durante il periodo della Guerra, Lamarr aveva cercato di unirsi al National Inventors Council, ma i suoi membri risposero che l'attrice sarebbe stata più utile se avesse fatto campagna per vendere obbligazioni di guerra.

L'invenzione di Lamarr, resa pubblica fin dal 1941, è diventata famosa soltanto alla fine della sua vita, negli anni '90. Per tutto il tempo in cui fece l'attrice, la stampa si concentrò sulla sua vita amorosa, sui gossip e sui suoi look.

Hedy Lamarr ricette una stella nella Hollywood Walk of Fame nel 1960, ma non fu prima del 2014, ben 14 anni dopo la sua morte, che ella venne inclsa nella National Inventors Hall of Fame.

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!