Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Secondo uno studio, genitori troppo severi cresceranno figli più bravi a mentire

Secondo uno studio, genitori troppo severi cresceranno figli più bravi a mentire, perché i bambini che hanno paura a dire la verità apprenderanno più comportamenti ingannevoli per evitare di finire nei guai

Pubblicato il 21/01/2019 alle 20:55
Fonte: Independent.co.uk, iflscience.com (link alla fonte principale)
Essere genitori non è facile, ed esistono tantissimi approcci diversi. Purtroppo, però, molte persone non riflettono abbastanza su cosa i loro comportamenti possono produrre nei figli. A volte si tratta di effetti che possono durare tutta la vita.

Secondo una ricerca condotta da Victoria Talwar, un’esperta di sviluppo socio-cognitivo alla McGill University, un’eccessiva severità non è mai un buon metodo genitoriale. Uno dei principali motivi è che insegna ai figli a diventare dei bugiardi provetti.
Producendo un’atmosfera di punizione inevitabile per ogni malefatta, i bimbi impareranno a mentire per sfuggire alle punizioni.

L’esperimento della dottoressa Talwar si è svolto in due scuole dell’Africa Occidentale: una con regole molto più rilassate e una con un regime rigido.
Agli studenti venne chiesto di indovinare, senza guardarlo, quale oggetto stava producendo un rumore alle loro spalle.
Uno degli oggetti produceva un rumore che non può normalmente produrre: se un bambino indovinava di che oggetto si trattasse, sicuramente aveva “barato” sbirciando.
Gli adulti lasciavano i bambini da soli nella stanza per qualche istante, e al loro ritorno chiedevano ai bimbi di identificare l’oggetto e di ammettere se avevano sbirciato.
I risultati mostrarono chiaramente la maggiore rapidità e capacità nel mentire nei bambini della scuola più severa, dimostrando che genitori e insegnanti troppo severi producono bugiardi coi fiocchi.


Pixabay
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!