Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il condor delle Ande può volare per oltre 160 kilometri senza mai sbattere le ali

Il condor delle Ande può volare per oltre 160 kilometri senza sbattere le ali. Uno degli uccelli più grandi del mondo, può arrivare ad una apertura alare di 3 metri e 30 centimetri.

Pubblicato il 07/08/2020 alle 21:41
Fonte: SmithsonianMag (link alla fonte principale)
Tra le alte e aride montagne della Patagonia c'è un condor delle Ande che è riuscito a volare per oltre 160 kilometri senza mai sbattere le ali. Questo nuovo record è stato registrato durante un recente studio pubblicato sul Proceedings of the National Academy of Sciences. I ricercatori hanno scoperto che questi animali necrofagi sfruttano l'ampia apertura alare (oltre 3 metri e 30) per cavalcare le correnti ascensionali, riducendo al minimo l'energia necessaria per sbattere le ali.
Lo studio è stato reso possibile da piccoli sensori attaccati ad otto condor. Su 250 ore passate in volo, i sensori hanno rilevato che gli uccelli hanno passato soltanto l'1% del tempo sbattendo le ali. Tre quarti di questa piccola percentuale, tra l'altro, erano utilizzati dai condor nel momento in cui spiccavano il volo.

I condor studiati passavano almeno tre ore al giorno in volo, scandagliando le Ande in cerca di carcasse di cui cibarsi. I ricercatori, ma anche altri esperti del settore, sono rimasti decisamente sorpresi dalle abilità mostrate dai soggetti dello studio. I momenti più difficili per i condor delle Ande erano quelli in cui dovevano planare tra correnti ascensionali più deboli, che rischiavano di portare ad atterraggi non desiderati.

Lo studio è durato ben cinque anni, e diverse ore sono trascorse in attesa vicino a carcasse di pecore, nel tentativo di taggare i condor. Dopo la raccolta dei dati, inoltre, i ricercatori hanno dovuto recuperare fisicamente i sensori, perché non era possibile trasmettere via satellite o rete cellulare l'enorme quantità di dati raccolti.

Condor delle AndeCondor delle AndeCondor delle AndeCondor delle AndeCondor delle Ande

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!