Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il “Cancello dell’Inferno” di Hierapolis era ritenuta una porta per l'aldilà dagli antichi romani

Il “Cancello dell’Inferno” di Hierapolis, nell’odierna Turchia, era un tempio con un’entrata in pietra che conduceva ad una piccola caverna con un “lago” di anidride carbonica di origine vulcanica. La grotta era ritenuta una porta per l’aldilà, perché gli animali che vi si introducevano morivano in pochi minuti. I sacerdoti, invece, uscivano illesi. Alcune ricerche recenti hanno chiarito che i sacerdoti erano semplicemente abbastanza alti da tenere la testa sopra al lago tossico, concentrato sul pavimento della grotta.

Pubblicato il 06/01/2022

I Romani erano convinti che fosse possibile attraversare i cancelli dell’aldilà e tornare indietro, e sapevano dove si trovavano. Anzi, inscenavano sacrifici elaborati portando tori in piena salute oltre i cancelli: questi morivano in fretta, apparentemente in modo spontaneo, mentre i sacerdoti restavano illesi. Oggi, questi “miracoli” hanno trovato una spiegazione.

Riscoperta all’inizio del decennio scorso, la porta dell'inferno nell'antica città di Hierapolis, nell'odierna Turchia, è uno di questi luoghi speciali. È costituita da una porta di pietra che conduce a una piccola caverna. Il cancello è stato costruito in una parete di un'arena rettangolare all'aperto, sormontata da un tempio e circondata da posti a sedere in pietra rialzati per i visitatori.

Hierapolis si trova in quella che ancora oggi è una delle aree geologicamente più attive della regione; 2200 anni fa, si credeva che le sue sorgenti termali avessero grandi poteri curativi. Ma una profonda fessura che corre sotto Hierapolis emette costantemente anidride carbonica vulcanica (CO2), che si riversa come una nebbia visibile. Il cancello, noto anche come Ploutonion, da Plutone (il dio degli inferi), è costruito direttamente sopra a questa fessura. Nel 2011, gli archeologi hanno dimostrato che il cancello è ancora mortale: gli uccelli che volano troppo vicini soffocano e muoiono.

Durante il giorno, il calore del sole dissipa il gas. Di notte, tuttavia, il gas, leggermente più pesante dell'aria, fuoriesce e forma un "lago" di diossido di carbonio sul pavimento della caverna. È particolarmente mortale all'alba, quando la concentrazione di anidride carbonica a 40 centimetri sopra il pavimento è tale da essere in grado di asfissiare e uccidere animali o addirittura persone in pochi minuti. Ma le concentrazioni diminuiscono rapidamente con l'altezza.

I sacerdoti, probabilmente, compivano i loro sacrifici solo nelle ore mattutine o serali, quando la concentrazione del gas era più alta. Gli animali sacrificali non erano abbastanza alti da tenere la testa completamente lontana dal lago. Non appena iniziavano a sentirsi rintontiti, le loro teste sarebbero scendevano più in basso e ciò li esponeva a concentrazioni di anidride carbonica ancora più elevate e portando alla morte per asfissia.

I sacerdoti, tuttavia, erano abbastanza alti da tenere la testa al di sopra dei gas pericolosi. “Sapevano che il respiro mortale di Cerbero raggiungeva solo una certa altezza massima", ha commentato il biologo tedesco Pfanz.

La porta per l'aldilà a Hierapolis
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!