Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Nel 1980, per risolvere i problemi con l'Apple III, il supporto ufficiale consigliava di sbatterlo sulla scrivania

La soluzione ufficiale consigliata per un problema frequente con l'Apple III, rilasciato nel 1980, era: "sollevate il computer di qualche centimetro e lasciatelo cadere".

Pubblicato il 12/01/2021

Chiunque abbia mai cercato informazioni sulla vita di Steve Jobs lo saprà già: era un perfezionista, e a volte anche troppo. Un esempio di quanto questo tratto di personalità fosse un'arma a doppio taglio è l'Apple III.

Rilasciato nel 1980, era la risposta ai desideri di quegli utenti che avevano bisogno di più di ciò che offriva l'Apple II. Ma il design ricevette un po' troppi input da parte del dipartimento del marketing e un po' pochi da quello degli ingegneri, così come il co-fondatore di Apple Steve Wozniak raccontò nella sua autobiografia del 2007, iWoz.

Uno dei problemi principali era che si scaldava troppo, e questo poteva portare alcuni chip a dilatarsi e spostarsi. Una soluzione ovvia sarebbe stata l'aggiunta di ventole, ma Jobs odiava il rumore che queste causavano su molti dei computer del tempo, e non voleva rovinare il design dell'Apple III con brutte ventole. Così, l'Apple III venne messo in commercio senza di esse, e faceva affidamento su un design che utilizzava un massiccio dissipatore di calore in alluminio che formava la base del computer.

Il calore non veniva però dissipato a sufficienza e questo causava il fatto che i circuiti uscissero dalle proprie prese. Il problema riguardava anche gli stessi impiegati di Apple, che si trovavano la macchina improvvisamente inutilizzabile. Uno degli ingegneri della compagna, Daniel Kottke, era così frustrato che sollevò l'Apple III e lo sbatté sulla scrivania. Fu sorpreso nel constatare che il computer tornò a funzionare.

Così, il supporto ufficiale per i proprietari di Apple III consigliava questa soluzione: "Sollevate il computer di due pollici e lasciatelo cadere", perché spesso questo rimetteva i circuiti al loro posto. L'Apple III

Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!