Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Fatti di Cronaca Divertenti o Insoliti
Videogiochi
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

L'albero della Georgia che è proprietario di se stesso

Ad Athens, Georgia, c’è un albero che si possiede da solo. Il suo proprietario originale lo amava a tal punto che, quando morì, lasciò all’albero stesso il terreno su cui sorgeva. Quando una tempesta fece cadere l’albero, negli anni ’40, gli abitanti del luogo piantarono una sua ghianda nello stesso punto, generando un albero “figlio” che rimane in vita tuttora.

Pubblicato il 10/07/2022
Fonte: Wikipedia inglese (link alla fonte principale)

L’Albero che possiede se stesso (The Tree That Owns Itself) è una quercia bianca situata ad Athens, in Georgia (USA). Secondo una convenzione del luogo, la quercia possiede se stessa e il terreno entro un raggio di 8 piedi (2,4 metri).

L’albero, che si trova all’angolo tra South Finley e Dearing Streets, era nato tra il XVI e il XVIII secolo, ed era stato abbattuto da una tempesta nel 1942. Gli abitanti del luogo, tuttavia, piantarono una ghianda nello stesso punto e oggi un nuovo albero sorge esattamente dove stava il primo, ed è chiamato talvolta “Il Figlio dell’Albero che Possiede Se Stesso” (Son of the Tree That Owns Itself).

L'albero si trova su quella che un tempo era la proprietà del colonnello William Henry Jackson. Si racconta che Jackson avesse dei cari ricordi di infanzia dell’albero e, volendo tutelarlo, lo avesse lasciato a se stesso nel testamento, insieme alla terra circostante. Secondo quanto riportano varie fonti, questo avvenne tra il 1820 e il 1832.

La storia viene spesso presentata come un fatto, ma soltanto una persona, verso la fine del XIX secolo, ha affermato (su un articolo dell’Athens Weekly) di aver visto il testamento di Jackson. Molti riconoscono che l’atto è ormai perduto o che potrebbe non essere ami esistito, e in ogni caso non potrebbe essere legale. Secondo l’ordinamento della common law, infatti, chi riceve una proprietà deve essere in grado di accettarla, e un albero non possiede questa capacità.

In ogni caso, la Contea considera che l’albero è su un suolo pubblico e si riserva il diritto di prendersene cura. Per quanto riguarda l’atto di Jackson, nel XX secolo qualcuno osservò che, per quanto possa non essere valido agli occhi della legge, “il pubblico lo riconosce come tale”. In linea con questa visione, la posizione ufficiale della Contea è che, a dispetto della legge, di fatto l’albero possiede se stesso, e la strada in cui sorge rimane pubblica.

L'albero che possiede se stesso in una cartolina (anni '30 o '40)Il figlio dell'albero che possedeva se stesso, che sorge oggi nello stesso luogo
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!

Continua a leggere