Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Seguici sui social
Un progetto di
WORLD OPEN NEWS

Il disturbo del lungo sonno: chi ne è affetto ha bisogno di 10-12 ore di riposo per notte

Esiste un disturbo del sonno chiamato "lungo sonno": le persone affette hanno bisogno di almeno dalle 10 alle 12 ore di sonno per notte. Si pensa che sia connesso alle personalità introverse, e che coinvolga soltanto il 2% della popolazione mondiale.

Pubblicato il 25/11/2019 alle 18:47
Fonte: American Sleep Association (link alla fonte principale)
Il disturbo del "lungo sonno" è un disturbo del sonno poco comune, caratterizzato dalla tendenza a necessitare di periodi di sonno più lunghi della media. Di solito, gli individui che ne sono affetti hanno bisogno dalle 10 alle 12 ore di sonno per notte, o rischiano di sentirsi poco "freschi" o troppo sonnolenti durante il giorno successivo.

Il sonno è normale e profondo, ma il lungo sonno costringe queste persone a dormire meno di quanto loro necessita, per stare al passo di ciò che la vita richiede. Si crea quello che viene chiamato "debito del sonno", che di solito viene recuperato durante il weekend, quando le persone con questo disturbo possono dormire fino a 15 ore di fila.
Le persone affette da questa sindrome fanno anche particolare fatica a svegliarsi al suono della sveglia.

Questa condizione si riscontra nel 2% della popolazione circa (gli uomini sono leggermente più colpiti delle donne). È stato evidenziato che queste persone, di solito, mostrano un tipo di personalità introversa, e si ipotizza che possa essere coinvolta la mancanza di un determinato composto chimico nel cervello, ma non è stata trovata ancora una prova conclusiva al riguardo.
Chi mostra questa condizione non dovrebbe, secondo i medici, combatterla, perché questo potrebbe danneggiare la loro salute.

Leggi anche: La mutazione del gene hDEC2, che permette al corpo di recuperare le energie con poche ore di sonno

Foto di Claudio_Scott da Pixabay



Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!